Italy and Afghanistan flags with scar concept. Waving flag,3D rendering. Italy and Afghanistan conflict concept. Italy Afghanistan relations concept. flag of Italy and Afghanistan crisis,war, attack
Buonanotte
EDITORIALE DEL GIORNO

Colombe ammaina

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Nell’indifferenza dei media, occupati in servizi-fotocopia sul Mottarone, filmati riciclati su Saman e rievocazioni di Vermicino, l’Italia ammaina la bandiera in Afghanistan. Ci ritiriamo dopo 20 anni di “missione di pace”, sinonimo politicamente corretto di guerra. D’appoggio, regolamentata, ma pur sempre guerra: abbiamo avuto 53 morti e 700 feriti. Non siamo, cioè, andati a distribuire merendine. E i talebani non ci tiravano caciotte. Ma il politicamente corretto imperava persino nelle motivazioni delle medaglie: quella data il 2 giugno scorso al caporalmaggiore Diego Massotti recita «per aver risposto al fuoco di un elemento ostile». Guai a dire nemico, o talebano! Dopo un fuoco micidiale di razzi anticarro e mitragliatrici il caporale «neutralizzava la minaccia». Guai a dire «eliminava» o «uccideva» anche se in vent’anni gli italiani ne hanno accoppati migliaia, di talebani. E così ci ritiriamo, dopo aver “non perso” una “non guerra”. Lo ha deciso nonno Biden, e quando il cacciatore torna a casa il cane lo segue. D’altra parte non abbiamo altre occasioni per usare il nostro esercito sul campo. Se non ci fossero queste missioni bisognerebbe inventarle, altrimenti i nostri fanti (che ci costano uno sproposito, con tutto l’ambaradan a stellette) resterebbero qui a poltrire nelle caserme come i tanti statali demansionati degli enti inutili. Andiamo in posti lontani a difendere a pagamento interessi altrui come le compagnie di ventura medioevali. Come i corpi di spedizione Australiano e Neozelandese che lasciarono 11mila morti sulla spiaggia di Gallipoli, chiamati dagli inglesi nel 1915. Noi in Afghanistan abbiamo perso ‘solo’ 53 uomini in vent’anni. Un affare.

collino@cronacaqui.it

Scopri inoltre...

Buonanotte
EDITORIALE DEL GIORNO
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo