Foto di repertorio: depositphotos
News
IL FATTO

Collegno, il Comune allunga gli orari di scuola per aiutare i genitori che lavorano

Da questa settimana ripartono i servizi gratuiti per le famiglie al mattino e al pomeriggio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Il nuovo Dpcm ha portato il Piemonte ad essere una “zona rossa”. Con diversi negozi chiusi, più smart working e il divieto di spostamento (almeno sulla carta, ndr) ecco che il Comune di Collegno ha deciso di venire incontro alle famiglie che hanno bambini in età scolastica con genitori che devono lavorare. Più precisamente tra la scuola dell’Infanzia e la scuola Primaria.

Da questa settimana, infatti, Palazzo Civico ha deciso di attivare, gratuitamente, il servizio di pre e post scuola. Questo grazie a oltre venti educatori, all’eliminazione dei limiti di adesione, allo sconto del 10% su una parte del servizio già effettuato e, soprattutto, con frequenza gratuita per le famiglie che in piena pandemia in zona rossa fanno fatica a conciliare l’attività lavorativa con la gestione dei propri figli.

«I servizi educativi sono la priorità della nostra Città. Investire in qualità ed opportunità per tutti ci sembra una scelta coraggiosa, vicina alle esigenze dei cittadini. In questo modo Collegno supporterà le famiglie anche dove il numero minimo per il servizio non sia stato raggiunto», spiega il primo cittadino di Collegno, Francesco Casciano.

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo