Cioccolatò 2017 non si farà
News
La società esclusa dall’affidamento della manifestazione si era rivolta ai giudici

Cioccolatò si farà, respinto il ricorso al Tar del Piemonte

La nuova formula della kermesse prevede due appuntamenti annuali: il primo dovrebbe svolgersi a novembre

Il Tar del Piemonte ha respinto il ricorso contro la delibera di affidamento in concessione del marchio e della gestione di Cioccolatò, per gli anni 2017-2020, del Comune di Torino. I giudici amministrativi, a cui si era rivolta la società arrivata seconda al bando, non hanno riscontrato elementi di fondatezza nel ricorso. Lo rende noto lo stesso Tar, che nel respingere il ricorso ha tenuto in considerazione anche la prevalenza dell’interesse del Comune di Torino a dare corso alla manifestazione.

LA GIUNTA COMUNALE SI ERA COSTITUITA IN GIUDIZIO
I ricorrenti muovevano alcune contestazioni legate ai criteri di scelta previsti dalla gara. La giunta comunale si era costituita in giudizio. La nuova formula di Cioccolatò prevede due appuntamenti annuali; il primo dovrebbe svolgersi nel mese di novembre.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo