Sangue sulle strade del Cuneese. Due persone hanno perso la vita, vittima di altrettanti incidenti stradali. Una delle vittime è di Torino
News
IL FATTO

Ciclista travolto da un’auto: Lanzo dice addio a Campet

Il 61enne è morto sul colpo dopo essere stato investito sulla provinciale 1

Come ogni sera, Pierangelo Olivetti stava percorrendo in bicicletta un pezzo della strada provinciale 1 che da Lanzo conduce a Germagnano, dove viveva. Ma martedì, attorno alle 23, è stato travolto ed ucciso da un’Alfa Romeo Mito, condotta da un 33enne di Lanzo, che in quegli stessi istanti stava rincasando.

L’impatto è stato violento e “Campet” – come da tutti veniva soprannominato – prima è finito sul parabrezza dell’automobile e poi è caduto a terra, qualche metro più avanti. Per lui non c’è stato nulla da fare: è morto a soli 61 anni. La bicicletta, invece, è finita nel fossato a margine della strada.

A nulla sono valsi i soccorsi, arrivati tempestivamente sul luogo dell’incidente: l’équipe medica del 118 non ha potuto fare altro che constatare il decesso dell’uomo, operaio in una cartiera di Front Canavese. A seguito dell’impatto, l’automobilista valligiano è stato invece trasportato all’ospedale di Ciriè per qualche ferita, frutto del parabrezza andato in frantumi: le sue condizioni non destano particolari preoccupazioni.

Immediato l’arrivo sul luogo della tragedia dei carabinieri della stazione di Lanzo, che ora stanno cercando di ricostruire la dinamica dell’incidente. Il conducente, che per il momento non è stato denunciato per omicidio stradale, avrebbe riferito ai militari di non aver visto Olivetti a causa dell’oscurità: quel tratto di strada, infatti, è privo di illuminazione pubblica.

La notizia della morte di “Campet” ha fatto il giro di tutte le Valli di Lanzo ma anche di Nole, dove ha sede il Toro Club “Punt Masin Granata”: «Campet, oltre che essere un cliente del mio locale – spiega Emiliano Saracco, titolare del bar trattoria Punt Masin – era un grandissimo tifoso del Toro, tanto da venire spesso e volentieri in trasferta con noi. Era davvero un personaggio che metteva molta allegria. Ci mancherà».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo