Alessandro Macari
News
E’ morto Alessandro Macari

Ciao Alessandro, noi “Amici per sempre” [VIDEO]

Il ricordo del direttore di CronacaQui Beppe Fossati

Vuoi sapere una cosa buffa, caro Alessandro? L’altro giorno frugando in un cassetto ho trovato una nostra vecchia fotografia. Eravamo davanti a Palazzo Nuovo con la tua prima spider, una Austin Midget che più piccola di così non potevano farla. E ci sentivamo padroni del mondo. A dire la verità ricordo che avremmo dovuto essere altrove per un servizio sulle scuole, commissionato dalla Gazzetta del Popolo, ma come capitava a volte ci eravamo concessi una pausa caffè. E sai cosa c’era sul retro di quella foto? Avevi scritto «Amici per sempre», con quella grafia incerta e frettolosa che ti era propria. Un’esagerazione, visto il tuo carattere. E sai che anno era? Il 1972.

Da allora è fuggito via il tempo. Tu impegnato nelle televisioni, io nei giornali. La tua è stata una carriera ricca di esperienze, prima a Telestudio e a Quinta Rete e poi a Rete 7 nel piccolo impero dell’architetto Piero Manera, con una parentesi importante nelle industrie ottiche al fianco di Mario Martucci. Con quella passione che non si è spenta mai e che ha saputo aggregare attorno a noi tanti valorosi amici. A pensarci, ne abbiamo fatte di cose, caro Alessandro.

E proprio poche settimane fa, seduti sui gradini del cortile di CronacaQui ne parlavamo ridendo. Tu avevi tra le mani il canovaccio dei nostri spot per pubblicizzare il concorso dedicato ai lettori e cercavi di convincermi a fare un mestiere che non è il mio, insieme all’amico Alessandro Meluzzi.

E come al solito hai vinto tu con quell’ironia e quella capacità di sfidare il prossimo che ti era congeniale. E in quei messaggi rimangono il tuo spirito e la tua fantasia. Ciao caro Alessandro, ci rivediamo in tivù.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo