cucciolo salvato gn
Cronaca
CARMAGNOLA

Chiuso sotto il sole sul balcone: cucciolo salvato dai pompieri

La polizia municipale cerca i padroni del cane: rischiano una denuncia

Solo sul balcone di un palazzo di via Torino, a Carmagnola. Abbandonato per tutto il giorno sotto il sole cocente. È la storia di un cucciolo: un cagnolino la cui “età” è stata stimata tra i 6 e gli 8 mesi, salvato in extremis dai vigili del fuoco che hanno dovuto utilizzare un’autoscala per raggiungere il terrazzo su cui il povero animale era stato addirittura legato. Almeno, accanto a sé, aveva una ciotola d’acqua e un po’ di cibo. Ma nessun riparo sotto cui proteggersi. E ora gli agenti della polizia locale stanno cercando di far luce su quanto accaduto visto che, ieri pomeriggio, ancora i padroni del cane non erano stati trovati. Tutto è partito dalla segnalazione di diverse persone che avevano sentito il cagnolino piangere e uggiolare. Tanti residenti sono riusciti a individuare la direzione da cui provenivano i lamenti e altrettanti hanno cominciato a tempestare di telefonate le forze dell’ordine. Individuato palazzo e balcone, gli agenti della Municipale si sono recati sul posto, hanno suonato il campanello ma nessuno è andato ad aprire. A quel punto per liberare il cucciolo dalla sua agonia, un cagnolino di nemmeno 8 mesi a pelo corto, sono stati chiamati i vigili del fuoco volontari di Carmagnola che sono intervenuti con l’autoscala. Il cane era stato addirittura legato alla ringhiera, da cui i pompieri lo hanno liberato. Insieme a loro, anche le Giacche Verdi che si sono subito preoccupate di vagliare le condizioni di salute del cagnolino e di portarlo al sicuro. Vista la presenza delle ciotole di cibo e acqua, è probabile che qualcuno si stesse prendendo cura di lui, ma non è chiaro se l’animale fosse sul balcone da giorni o solo da qualche ora: i proprietari risultano ancora irreperibili e le indagini proseguono. Intanto il cucciolo è stato portato al canile municipale: le sue condizioni di salute sono buone.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo