Strage trote
News
Strage di pesci in Canavese

Chiudono il canale, strage di trote nella roggia di Oglianico

Morte anche decine di esemplari di “marmorate” una specie protetta perché in via di estinzione. Sul caso indaga la polizia locale

I pescatori delle società sportiva di Cuorgnè puntano il dito contro il consorzio che gestisce la roggia di Oglianico che percorre un pezzo di Canavese. Infatti, qualcuno avrebbe chiuso le paratie d’ingresso del canale che parte da una diramazione del torrente Orco in località Bandone, senza preoccuparsi di avvertire la Provincia, ente preposto al controllo, con il risultato di aver praticamente prosciugato la roggia provocando un’autentica strage di pesci.

CIRCA 300 TROTE MORTE PER ASFISSIA
Secondo una prima ricostruzione da parte dei guardiapesca, sarebbero morte per asfissia circa 300 trote di cui una cinquantina di esemplari di marmorate che sono una specie protetta e che i pescatori rispettano perché in via di estinzione. E’ successo ieri mattina quando alcuni allevatori di Bandone hanno notato una distesa di trote ormai morte, mentre altre, di taglia più piccola, erano riuscite a trovare provvidenzialmente riparo in alcune pozze d’acqua della roggia. Recuperate sono state poi gettate nel torrente Orco.

I RESIDENTI DANNO L’ALLARME
Da qui è partito l’allarme di alcuni residenti della zona che hanno avvertito la società di pesca sportiva. Intanto sul posto sono arrivati gli agenti della polizia municipale di Cuorgnè ai quali sono affidate le indagini su quanto accaduto.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo