stupro violenza gen gn
Cronaca
CASELLE

Chiede ospitalità a un amico «e lui mi ha stuprato più volte»

La denuncia di una 42enne romena, indagini in corso dei carabinieri

«Sono stata stuprata». Ha scelto una donna, il suo avvocato, per sfogarsi e chiedere aiuto. La presunta vittima della violenza, una 42enne romena, tra un pianto e l’altro, ha spiegato chi fosse quell’uomo così violento: la persona che la stava ospitando, da qualche tempo, a Caselle. Ovvero un connazionale, più grande di lei.

Ed è proprio nella città dell’aeroporto che si sarebbero svolti i fatti, ora al vaglio della procura di Torino e del pubblico ministero Barbara Badellino, che sta indagando sull’accaduto dopo che l’avvocato della 42enne, Alice Cometto, ha sporto querela.

Una volta dai carabinieri, la donna si è finalmente liberata delle paure, raccontando ai militari quanto sarebbe successo in quell’appartamento. Spiegando di aver deciso di temporeggiare nel denunciare tutto perché aveva paura e non sapeva dove andare, visto che aveva difficoltà a trovare un appartamento.

I carabinieri hanno subito fatto scattare la procedura del «lettino rosa», dove la donna vittima di violenze – ma anche soggetti fragili in generale, come anziani, minori e portatori di disabilità – viene accolta in ospedale dal triagista e, successivamente, dal personale medico, già allertato del problema. La donna è stata poi fatta entrare in ambulatorio per i dovuti accertamenti clinici e supportata dai servizi sociali, che l’hanno aiutata nella fase «post denuncia».

Ora la 42enne si trova in una comunità protetta, così come prevedono i protocolli vigenti in materia di protezione delle persone vittime di violenze sessuali. A debita distanza da quell’orco. Ora sarà la procura di Torino a dover fare luce su ogni aspetto di questo caso. Partendo dalle dichiarazioni fatte dalla donna ai militari e provando a ricostruire l’intera vicenda.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo