grandine meel
Cronaca
MALTEMPO

Chicchi di grandine come mele: la tempesta flagella il Torinese [FOTO e VIDEO]

Danni ingenti in città e in varie zone della provincia

«Non può piovere per sempre». Brandon Lee, quando ha girato “Il Corvo”, di sicuro non poteva immaginare come sarebbe stata l’estate 2021 di Torino e provincia. Anche ieri pomeriggio l’acqua è caduta abbondante ma, quel che è peggio, l’ha fatto in compagnia del ghiaccio. Chicchi grossi come piccole mele si sono abbattuti in particolare sulla zona di Lanzo ma la grandine si è fatta vedere anche in Canavese, nel pinerolese, nella cintura sud e su quasi tutti i quartieri di Torino, dal centro alla periferia. Inutile dire che i danni sono stati ingenti, in particolare alle coltivazioni che in alcune zone sono quasi state rase al suolo dalla violenza della grandine. Ma i chicchi erano talmente grossi che hanno anche scheggiato parabrezza e bollato le carrozzerie delle automobili, distrutto ombrelloni e arredi da giardino, danneggiato balconi. A Torino, un tratto di via Genova è stato chiuso al traffico a causa della caduta sull’asfalto dei cavi del tram mentre il forte vento ha fatto crollare piante in corso Inghilterra e in corso Trapani. Danni simili a quelli di Lanzo si sono registrati in zona Mirafiori, dove c’è stata una “strage” di vetri, fanali e carrozzerie.

Ancora peggio è andata nel Vco, dove in un solo giorno sono caduti 150 mm di pioggia, causando lo straripamento del fiume Toce a Crodo, dove tre famiglie sono rimaste isolate mentre l’acqua ha anche allagato l’esterno di una centrale idroelettrica. La pioggia intensa ha fatto cadere terra e massi a Foppiano, frazione di Formazza, mentre una frana è scesa sulla provinciale che da Baceno sale all’alpe Devero.

L’allerta gialla per i temporali in Piemonte resta per tutta la giornata di oggi, prima di una breve pausa. Un nuovo impulso di maltempo infatti è atteso per la giornata di venerdì.

(Foto da Centro Meteo Piemonte)

(Video della grandine in vari punti della città)

(Guarda la Mole durante e dopo la tempesta)

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo