News
Si accorge della “scomparsa” dopo aver percorso 40 chilometri in moto

CENTAURO DISTRATTO. Parte e lascia la compagna a terra. Poi chiama i carabinieri: “Aiuto, ho perso mia moglie!”

La donna era rimasta a Moncalvo d’Asti (dove i due avevano fatto l’ultima sosta) e da qui ha telefonato al marito che nel frattempo era giunto a Chieri

Ieri pomeriggio, G.V., 59enne, ha chiamato il 112 e ha riferito di trovarsi a Chieri in piazza Europa e di essere disperato perché giunto lì in moto, si era accorto di aver perso, lungo il tragitto, la moglie, che era in sella con lui. L’uomo ha aggiunto “non posso chiamarla perché il suo cellulare è rimasto nel bauletto della moto”.

LA DONNA ERA RIMASTA A MONCALVO D’ASTI
Mentre lo sconsolato centauro parlava con i carabinieri della Aliquota Radiomobile della Compagnia dell’Arma di Chieri, giunti prontamente sul posto per calmarlo e ricostruire, assieme a lui, l’itinerario percorso così da avviare le ricerche della donna, lo stesso ha ricevuto una chiamata sul cellulare da parte di un numero sconosciuto. Al che la sorpresa: dall’altra parte del telefono era la moglie. A.R. 58 enne, che, dopo essersi fatta prestare un cellulare da un passante, ha informato il marito che era ripartito in moto da solo, dimenticandosi di lei nell’ultima sosta effettuata a Moncalvo d’asti, a circa 40 chilometri da Chieri.

L’EVENTO SI CONCLUDE CON UNA RISATA DISTENSIVA
Il “centauro distratto” ha quindi potuto tirare un sospiro di sollievo e andare a recuperare la donna nel paesino astigiano; l’evento si è concluso, fortunatamente, con una risata distensiva per tutti.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo
banners