Il Cavour resta ai vertici della classifica dei licei classici
Cronaca
IL RAPPORTO

Il Cavour resta primo tra i classici, al Pininfarina il 74% trova lavoro

La classifica degli istituti di Torino e provincia di Eduscopio della Fondazione Agnelli

Il Cavour si conferma il re incontrastato dei licei classici, il Galileo Ferraris troneggia tra gli scientifici e il Gioberti è primo tra i linguistici. L’annuale edizione di Eduscopio della Fondazione Agnelli mette in evidenza alcune consolidate eccellenze scolastiche del territorio e mostra come il tasso di occupazione dei ragazzi che escono dagli istituti tecnici sia in aumento. Primo, in questo senso, il Pininfarina di Moncalieri, con il 74% di diplomati impegnati nel mondo del lavoro.

Nato per aiutare le famiglie nella delicata scelta della scuola da intraprendere dopo la terza media, il portale di Eduscopio (www.eduscopio.it) è diventato negli anni una vera e propria bussola, rivelando come muta il panorama dell’offerta scolastica. Partendo dai licei classici, già dal podio si percepisce aria di cambiamento. Se è vero che in testa c’è ancora il Cavour, al secondo posto si piazza l’Alfieri, che scalza il Gioberti, medaglia di legno quest’anno. Terzo classificato è il liceo Massimo d’Azeglio, quarto l’anno passato. Seguono, in classifica, il Valsalice, l’Umberto I, la Sacra Famiglia e l’Istituto Sociale. Allargando poi lo sguardo alla provincia, si scopre che il Cavour è secondo rispetto al liceo Baldessano-Roccati di Carmagnola, già primo nel 2018; mentre l’Alfieri accorcia le distanze, passando dal sesto al terzo posto.

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo