Caso Bucci, riesumata la salma dell'ex ultrà della Juve 
 (Depositphotos)
Cronaca
Archiviato come suicidio

Caso Bucci, riesumata la salma dell’ex ultrà della Juve morto cadendo dal viadotto

A chiedere di far luce sul decesso del tifoso bianconero è stata la compagna

E’ stata riesumata, questa mattina, nel cimitero di Cuneo (dove era stata sepolta), la salma di Raffaello Bucci, l’ex ultrà della Juventus morto cadendo dal viadotto che da Fossano porta all’autostrada Torino-Savona, nel luglio del 2016. Pochi giorni prima di perdere la vita, Bucci era stato interrogato dalla procura di Torino per i rapporti tra ‘ndrangheta e ultrà.

ARCHIVIATO COME SUICIDIO
A chiedere di far luce sulla tragica scomparsa del tifoso bianconero, che inizialmente era stata archiviata come caso di suicidio, è stata la compagna di Bucci, Gabriella. “Raffaele non era il tipo di buttarsi giù dal ponte. Qualcuno, semmai, lo ha spinto a farlo”, ha sempre sostenuto la donna. La procura di Cuneo, che nei mesi scorsi ha autorizzato la riesumazione, ha aperto un fascicolo, a carico di ignoti, per istigazione al suicidio.

ESEGUITA L’AUTOPSIA
La salma di Bucci è stata trasferita nella camera mortuaria del cimitero per essere sottoposta all’autopsia che è stata eseguita da un team coordinato dal medico legale torinese Roberto Testi e da Lorenzo Varetto. A svolgere il test, dopo la riesumazione del corpo, è stato l’anatomopatologo Roberto Testi su incarico del pm Onelio Dodero.

NESSUNA NOVITA’ VERSO CONFERMA IPOTESI SUICIDIO
Dall’esito del nuovo esame medico legale, in ogni caso, secondo quanto trapelato, non sarebbe emerso alcun elemento che porti a ipotizzare un’aggressione o una tesi differente da quella del suicidio.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo