Depositphotos
Cronaca
CRISI

Caro bollette, è già allarme a Torino: “170 palazzi staccati dalla rete del gas”

L’appello di Fontana e Rosso (Forza Italia): “Situazione esplosiva, fondamentale aprire un confronto”

Centosettanta palazzi senza gas a Torino. A denunciarlo sono il coordinatore di Forza Italia Torino, Marco Fontana, e il coordinatore provinciale del partito Roberto Rosso. “E’ necessario che il governo e le istituzioni intervengano senza ritardi sul caro bollette – dichiarano in un nota -. Centosettanta palazzi nella sola Torino che sono stati staccati dalla rete del gas e il raddoppio di utenti che hanno chiesto la rateizzazione dei pagamenti è una situazione esplosiva che va gestita immediatamente, anche dall’esecutivo ancora in carica. Bisogna riflettere sulle ricadute sociali e sanitarie che si stanno vivendo: a pagare il prezzo più alto rischiano di essere le fasce deboli della nostra società, anziani e bambini, oltre che quelle più povere”.

“Senza gas e luce si può anche morire”

“A ciò si aggiunge il rischio che decine di famiglie del ceto medio scendano nel proletariato e altre già in esso nel sottoproletariato. E tutto per veder garantito l’accesso a beni primari come il gas e l’elettricità – continuano Fontana e Rosso – . E’ fondamentale aprire un confronto sia a livello europeo sia italiano per affrontare subito il problema. Lanciamo quindi un appello a fare in fretta ad intervenire perchè senza gas e luce si può anche morire”.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo