penitenziaria
Cronaca
IL FATTO

Carcere di Torino, aggressioni a raffica: poliziotto preso a pugni da detenuto

Punti di sutura e trauma cranico per un agente, l’allarme: “Problema serio e incontrollato”

Prosegue il grido d’aiuto dei poliziotti penitenziari dal carcere di Torino. L’ultima aggressione ai danni di agenti nella giornata di oggi: lo rende noto l’OSAPP tramite il segretario generale Leo Beneduci.

OGGI L’ULTIMA AGGRESSIONE
Un poliziotto è stato infatti aggredito da un detenuto italiano che, senza apparente motivo, lo ha colpito con un pugno in faccia all’altezza del sopracciglio. L’agente è stato accompagnato al Pronto Soccorso del Maria Vittoria di Torino dove gli sono stati applicati punti di sutura e dove gli è stato diagnosticato un trauma cranico con prognosi da 10 giorni.

LE PAROLE DI BENEDUCI
“Il problema è serio e incontrollato, i detenuti hanno probabilmente percepito che c’è una falla nel sistema e che gli agenti sono indifesi – spiega Beneduci -. Il personale sembrerebbe essere umiliato per l’assenza di provvedimenti concreti verso i detenuti ed è stanco di subire queste invettive gratuite. Chiediamo a gran voce che l’azione disciplinare abbia il suo corso, questa situazione è intollerabile”.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo