Yaskaepadrone
News
VISCHE Per fortuna l’animale se la caverà. I malviventi sono stati costretti a scappare e rinunciare al furto

Cane accoltellato da banda di ladri: «Yaska ha difeso la nostra famiglia»

Lo straordinario coraggio di un pastore tedesco ha impedito ai malviventi di penetrare nell’abitazione

Ha difeso la sua casa a rischio della propria vita, venendo ferito da una coltellata. L’eroina si chiama Yaska, un magnifico esemplare di pastore tedesco che è riuscito a mettere in fuga i ladri che sono scappati a mani vuote.

Quello dei furti in abitazione è purtroppo un fenomeno in crescita che coinvolge anche il piccolo comune di Vische, in particolare la casa della famiglia di Alessandro Acotto. Di certo i malviventi non credevano di imbattersi in Yaska, una combattiva esemplare di pastore tedesco che giustamente ha difeso il suo territorio dagli intrusi.

Yaska ha spaventato e messo in fuga i ladri, non permettendo loro di entrare in casa. I malviventi però l’hanno colpita con una coltellata. Il cane però a sua volta dovrebbe essere riuscito a ferire i ladri, in quanto nel cortile sono state trovate molte tracce di sangue che non sembrano essere dell’animale.

Il racconto di quanto accaduto lo fa direttamente Alessandro Acotto, l’artigiano proprietario della cagnolona, che ha denunciato ai carabinieri l’accaduto e ha avvertito anche il sindaco Federico Merlo. «L’altra notte dei ladri si sono introdotti nel cortile ed hanno cercato di rubare anche in casa, ma se il piano è fallito il merito è di Yaska, il mio pastore tedesco che per difendere la casa si è preso una coltellata dai malviventi».

L’altra mattina, Alessandro appena sceso nel cortile ha visto tantissimo sangue, in terra e sulla maniglia del cancello. Yaska aveva addentato anche i malviventi ma anche lei è stata ferita. «Nel vederla ferita, ho subito capito che i ladri avevano cercato di entrare in casa, una triste consuetudine che ultimamente accade sempre più spesso in paese. Questa volta era toccato a me ma i ladri hanno trovato il mio pastore che si è immolato per difendere casa». Subito dopo ha portato Yaska dal veterinario che ha suturato la ferita da taglio alla zampa, fortunatamente non grave. «La quantità di sangue nel cortile non era compatibile con la ferita del cane, segno che anche i ladri sono fuggiti malconci».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo