Una recente manifestazione No Tav (foto di Francesca Lai).
Cronaca
INVESTIGATORI AL LAVORO

Campeggio No Tav e proteste nell’area del cantiere di Chiomonte: denunciati in 82

Nel mirino anche i leader del centro sociale torinese Askatasuna. Spiccati 28 fogli di via

Ottantadue, fra simpatizzanti e attivisti No Tav, sono stati denunciati dalla Questura di Torino per alcuni episodi avvenuti alla fine di luglio durante la mobilitazione contro il cantiere di Chiomonte dell’Alta Velocità. Sono anche stati spiccati 28 fogli di via dai Comuni di Giaglione e di Chiomonte, dove si trova l’area del cantiere della Torino-Lione. I fatti finiti nel mirino degli investigatori, ha reso noto la questura in un comunicato, sono avvenuti in occasione del campeggio dei giovani No Tav e del Festival Alta Felicità.

FOGLI DI VIA PER LA PROTESTA DI VIA AVANA’
I fogli di via sono stati emessi anche in relazione alla dimostrazione del 26 giugno scorso durante la quale fu bloccata la strada dell’Avanà, a Chiomonte. Per quella protesta sono scattate 29 denunce, alcune delle quali nei confronti dei leader del centro sociale torinese Askatasuna.

LE INDAGINI PROSEGUONO
La Digos prosegue le indagini per individuare altri responsabili di episodi commessi nel corso delle manifestazioni del 19, 20 e 27 luglio scorso. Sono al vaglio, inoltre, ulteriori fogli di via e avvisi orali per antagonisti giunti in Piemonte da varie località italiane.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo