Azeglio Vicini - Italy Manager
Sport
Era malato da tempo. Una volta dichiarò: “Nella mia vita mi sono divertito”

CALCIO IN LUTTO. A 84 anni ci lascia Azeglio Vicini, il ct delle “Notti Magiche”

L’allenatore di Italia ’90 è morto a 84 anni nella sua casa di Brescia. Di quello sfortunato Mondiale disse: “Meritavamo di vincerlo”

A 84 anni anni ci lascia Azeglio Vicini, da tutti riconosciuto come il ct delle “Notti magiche”. L’ex allenatore della Nazionale di Italia ’90 è morto questa mattina a Brescia, città nella quale viveva da oltre 50 anni, ma era malato tempo.

Nato a San Vittore, provincia di Cesena, è entrato nella mente di tutti per essere stato il commissario tecnico dell’Italia nell’anno dei Mondiali in casa nostra, nei quali si qualificò al terzo posto dopo aver perso al San Paolo di Napoli ai rigori la semifinale contro l’Argentina di Maradona.

In occasione dei suoi 80 anni dichiarò. “Sono soddisfatto della mia vita. Ho vissuto momenti felici, altri meno, ma mi sono divertito davvero tanto. Quel mondiale avremmo meritato di vincerlo, siamo stati sfortunati. Noi non perdemmo mai sul campo, sei vittorie e un pari, e arrivammo terzi, l’Argentina fu sconfitta due volte e andò in finale con la vincitrice Germania. Però in quelle notti conquistammo gli italiani, il loro affetto fu travolgente. Infatti quell’Italia-Argentina resta una delle partite più viste in tv di tutti i tempi”.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo