L'aggressione degli ultras in un fotogramma della polizia
Cronaca
L’episodio risale allo scorso 15 maggio

Calci e bastonate ai tifosi della Juve: arrestati tre ultras del Napoli

Sette supporter bianconeri furono aggrediti in un’area di servizio del Frusinate dopo la partita Roma-Juve

Tre “ultras” del Napoli sono stati arrestati (ora sono ai domiciliari) da agenti della Digos della Questura di Frosinone e della Polizia Stradale di Frosinone, coadiuvati dalle Digos delle Questure di Napoli e Caserta, che hanno eseguito tre ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip di Frosinone Antonello Bracaglia Morante, su proposta della Procura di Frosinone.

L’AGGRESSIONE IN UN’AREA DI SERVIZIO
I fatti risalgono al 15 maggio scorso, quando all’1.30 circa un gruppo di 7 tifosi della Juventus residenti nella provincia di Brindisi – di rientro dalla trasferta per la partita di calcio Roma-Juventus e viaggianti a bordo di un furgone a noleggio – mentre sostavano per rifornimento all’impianto Eni dell’area di servizio autostradale “La Macchia Ovest“, in territorio di Anagni sulla A1, venivano violentemente aggrediti con calci, pugni e bastoni e venivano fatti oggetto di lancio di petardi e torce fumogene da un altro gruppo di circa 20 ultras del Napoli, di rientro da una trasferta per la partita Torino-Napoli.

GLI ULTRAS SI IMPOSSESSARONO ANCHE DEGLI ZAINI
Terminata l’aggressione fisica, i violenti si sono impossessati anche delle borse all’interno del furgone su cui viaggiavano i tifosi juventini, contenenti denaro, documenti ed altri oggetti personali, quindi si sono allontanati a bordo di alcuni veicoli. Gli aggrediti hanno dovuto far ricorso alle cure mediche all’ospedale di Frosinone, con referti per lesioni dai 2 agli 8 giorni. Nei giorni successivi, su delega della Procura di Frosinone, sono state eseguite nel territorio di Napoli e Caserta perquisizioni domiciliari a carico di alcuni degli identificati, nel corso delle quali è stato rinvenuto materiale vario comprovante la diretta responsabilità in merito ai reati contestati.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo