Walter Mazzarri (a sinistra) e Urbano Cairo (a destra)
Sport
Il dopo Mihajlovic

Cairo: “Volevo Mazzarri al Toro dal 2007, è un sogno che si realizza”

Il patron granata: “Era da marzo 2011 che non esoneravo un tecnico. Purtroppo è una scelta che abbiamo dovuto fare”

“Non ero più abituato a conferenze stampe di questo genere, era da marzo 2011 che non esoneravo un tecnico. Purtroppo è una scelta che abbiamo dovuto fare. Dico purtroppo perché non è una buona cosa, ho imparato che la continuità è un’ottima cosa, di valore. Vale per aziende non sportive e a maggior ragione per aziende calcistiche”. Il patron granata Urbano Cairo apre così la conferenza di presentazione di Walter Mazzarri come nuovo allenatore del Torino dopo l’esonero di Sinisa Mihajlovic.

PENSAVO A MAZZARRI DAL 2007
“Mi spiace per Mihajlovic – prosegue – ma sono anche contento perché finalmente sono riuscito a prendere Mazzarri, a cui pensavo sin dal lontano 2007. In quell’anno ci incontrammo, stemmo insieme fino alle 2 e mezza del mattino già allora ci fu un feeling immediato ma era già impegnato”. Avere un tecnico come Mazzarri è un sogno che si realizza“, ha aggiunto il presidente granata.

“CHI E’ MAZZARRI LO CONOSCETE”
“Chi è Mazzarri lo conoscete, sapete bene cosa ha fatto come allenatore. Non cito Acireale e Pistoiese, ma la promozione con il Livorno, le salvezze con la Reggina con il macigno della penalizzazione di 15 punti. Poi la Sampdoria, e il grande lavoro fatto a Napoli. Ho rivisto le rose del Napoli di quegli anni e devo dire che il mister ha fatto un lavoro straordinario arrivando al secondo posto. Il dispiacere e la delusione per aver dovuto esonerare Mihajlovic è attutito dall’avere Mazzarri che stimo tantissimo”, ha aggiunto il “numero uno” granata.

(video di Emanuele Pastorella)

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo