NOLE

Il caffè era servito con la droga: arrestato il barista-spacciatore

Cocaina e marijuana per i suoi clienti più “fedeli”: nei guai un pusher 53enne

Il caffè può essere bevuto in modi diversi. Chi lo sceglie ristretto, chi lungo, chi macchiato o chi corretto. In un locale di Nole, ma solo per certi clienti, il caffè invece veniva servito con l’aggiunta di ovuli di cocaina o dosi di marijuana.

È quello che faceva un 53enne di Nole, arrestato nei giorni scorsi a Nole dai carabinieri di Mathi. Per lui l’accusa è detenzione e spaccio di droga. Secondo gli investigatori, infatti, Mauro Nonnis, nonostante fosse detenuto ai domiciliari, spacciava a casa e anche sul posto di lavoro, dove poteva recarsi grazie ad un permesso rilasciato dal tribunale.

A lavoro, la droga veniva smerciata previa consumazione di un caffè, in modo molto veloce. Per gli inquirenti, i clienti che avevano la possibilità di avere la droga a lavoro erano pochi e scelti. Ovvero persone di fiducia del 53enne, proprio per far sì che la voce non si spargesse per le cittadine limitrofe e quindi evitare che arrivassero controlli da parte delle forze dell’ordine.

Durante la perquisizione domiciliare, sono stati trovati e sequestrati 100 grammi di hashish, 350 grammi di marijuana, 5 grammi di cocaina – suddivisa in dosi – materiale per il confezionamento e bilancino di precisione e la somma di 360 euro, che per gli inquirenti è solo una modesta parte degli incassi ottenuti con lo spaccio della droga.

I militari hanno esteso la perquisizione anche nel bar-ristorante dove lavorava il 53enne, nel centro del paese. Perquisizione che ha portato a scoprire non ulteriori dosi di droga come sospettato ma dei problemi per quanto riguarda le condizioni igienico-sanitarie del ristorante e della conservazione del cibo. I Nas, infatti, dopo i controlli hanno deciso per la sospensione dell’attività fino al ripristino delle regolari condizioni nel locale, oltre a una sanzione amministrativa. Il titolare del bar ristorante, fa però sapere come le irregolarità riscontrate dai Nas «siano state già sanate il giorno successivo, tant’è che il locale è rimasto chiuso una sola giornata».

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single