Schermata 2017-07-11 alle 08.12.22
Il Borghese

Buttiamo la chiave

Per una volta dimentichiamo il nostro italico buonismo d’accatto e buttiamo via la chiave. Non c’è giustificazione alcuna per quello che ha fatto con brutalità assoluta quell’uomo che, scaraventando il suo furgone contro i due fidanzatini in moto, li ha travolti e massacrati.

Nulla può giustificare quell’inseguimento sulla statale della Val di Susa, i sorpassi azzardati, la velocità folle e la furia pazzesca con cui Maurizio De Giulio, elettricista cinquantenne, ha voluto vendicarsi per qualche parola di troppo dopo che, ignorando uno stop, aveva già rischiato di colpire la moto dei due ragazzi. La perizia sull’incidente disposta dalla procura di Torino lo inchioda alle sue responsabilità. E l’imputazione di omicidio stradale si trasforma in omicidio volontario. Lo dicono i testimoni che hanno dovuto assistere impotenti all’investimento, lo confermano i rilievi sulla rotonda della morte, a Condove.

Un comportamento assurdo che per quest’uomo non era certo una novità, se si scava a fondo nel suo passato. Un violento, e non solo per strada, avvezzo alla vendetta a tutti i costi, impugnando il volante come fosse un’arma. Va dato atto alla Procura di aver agito con scrupolosa attenzione prima di addebitargli un reato che vale l’ergastolo, vista l’evidente premeditazione. Ma ora ci aspettiamo una condanna esemplare. Senza manfrine sulla sua salute psichica e senza attenuanti.

fossati@cronacaqui.it

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo