camper rogo sorelle hal
Cronaca
IL PROCESSO

Bruciò vive tre sorelle in un camper: il nomade condannato all’ergastolo

Serif Seferovic tentò la fuga a Torino dove venne arrestato dalla squadra mobile

Aveva dato alle fiamme il camper di una famiglia rom, bruciando vive tre sorelle e poi si era rifugiato da alcuni parenti a Torino, dove era stato arrestato. Ieri Serif Seferovic è stato condannato all’ergastolo per la morte di Elisabeth, Francesca e Angelica Halilovic, di 20, 8 e 4 anni, uccise nel rogo appiccato il 10 maggio 2017 nel parcheggio di un centro commerciale a Centocelle. La condanna all’ergastolo è stata emessa dai giudici della Terza Corte d’Assise di Roma.

Serif Seferovic, accusato di omicidio plurimo, detenzione, porto e utilizzo di armi da guerra e incendio doloso, era stato fermato a Torino pochi giorni dopo il tragico incendio.

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo