Destinati alla vendita

Botti illegali, maxi sequestro della polizia a Torino: due arresti [FOTO e VIDEO]

Un 21enne custodiva in casa 145 bombe carta, un 46enne aveva due ordigni nella sua carrozzeria

Nella sua abitazione in un comune del Canavese gli agenti della divisione polizia amministrativa e sociale della questura di Torino hanno trovato ben 145 bombe carta di fattura artigianale non etichettate, alcune delle quali di elevata potenza, oltre a 40 artifici pirotecnici professionali, uno spettacolo pirotecnico, un sacchetto contenente 10 chili di nitrato di ammonio e altro materiale idoneo per la fabbricazione.

Tutto il materiale era custodito in un armadio ubicato al terzo piano dell’abitazione stessa, adibita a ripostiglio sotto tetto, con grave pericolo viste le dimensioni e la quantità del materiale esplodente. A far scattare la perquisizione è stata una segnalazione: il materiale conservato era destinato alla vendita. Per questi motivi un giovane di 21 anni, cittadino italiano, è stato arrestato.

Analogo provvedimento, eseguito da parte degli agenti della squadra mobile, è scattato nei confronti di un 46enne italiano, accusato di detenzione di materiale esplodente dopo che nella sua carrozzeria sono stati ritrovati due pericolosi artifici pirotecnici, tra cui una bomba carta priva di ogni indicazione di sicurezza e un altro ordigno nominato “Rambo 31-K”, classificato come estremamente pericoloso e di cui è vietata la vendita anche ai titolari di porto d’armi.

I due ordigni potenzialmente potevano risultare micidiali: oltre al singolo ordigno, infatti, avrebbero potuto innescare istantaneamente anche l’esplosione di tutti gli altri vicini. Nel comodino dell’abitazione dell’uomo, inoltre, i poliziotti hanno trovato una pistola giocattolo a salve simile a quella in uso alle forze di polizia.

loop-single