(foto depositphotos)
Cronaca
IL PIANO DI AIUTI DELLA REGIONE PIEMONTE

Bonus Montagna: da oggi al via le domande per ricevere l’indennizzo

Pronti gli indennizzi per maestri di sci e snowboard, agenzie di viaggio, tour operator, servizi di prenotazione e attività connesse

E’ partita alle 9 di questa mattina, e sarà possibile farlo fino a venerdì 30 aprile, la possibilità di poter presentare le domande per ricevere l’indennizzo previsto dal “Bonus Montagna“. Oltre 20 milioni di euro che la Regione Piemonte mette a disposizione di maestri di sci e di snowboard (iscritti all’Albo del Collegio regionale maestri di Sci), agenzie di viaggio, tour operator, servizi di prenotazione e attività connesse.

DOVE PRESENTARE LE DOMANDE
Per i primi è previsto un contributo massimo fino a 2mila euro, per i secondi di 1.500 euro: la domanda dovrà essere presentata sul portale dei servizi online della Regione Piemonte utilizzando per l’accesso le proprie credenziali Spid o quelle di un soggetto delegato.

PREIONI: ORA CAMBIO DI PASSO
“Si tratta di un primo, fondamentale passo verso il completamento del piano da 20,5 milioni che la Regione Piemonte, con la nostra giunta a trazione leghista, ha voluto varare per assistere il comporto della neve, e che verrà completato non appena il governo avrà messo a punto il suo Decreto Ristori. Siamo certi che con un leghista alla guida del ministero del Turismo, com’è il nostro Massimo Garavaglia, assisteremo a quel cambio di passo che garantirà aiuti concreti e proporzionati a un settore strategico come è quello degli sport invernali nella nostra Regione” ha commentato il capogruppo della Lega Salvini, Alberto Preioni.

MARIN: PICCOLO MA SIGNIFICATIVO SOSTEGNO
“Apprezziamo lo sforzo della giunta nel riuscire a dirottare sul mondo piemontese della neve fondi importantissimi” ha dichiarato il consigliere regionale della Lega, Valter Marin. “Un settore a cui non è concesso di lavorare è un settore che non può produrre. Gli effetti della chiusura forzata per oltre un anno del turismo legato alla neve sono stati disastrosi. Con questa iniziativa – ha concluso Marin -, migliaia di lavoratori ormai ridotti allo stremo riceveranno un piccolo, ma significativo sostegno”.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo