Bocconi-killer
Cronaca

Bocconi killer, è allarme nell’area verde di via Vigliani

Polpette chiodate ammazza-cani con spilli invisibili anche per i padroni

Bocconi killer pieni di chiodi per ammazzare i cani: ora è allarme a Mirafiori. Un bel pezzo di carne in un prato, il sogno di tutti gli amici a quattrozampe. Peccato che al suo interno sia stato inserito un chiodo lungo quanto una mano. Una polpetta ammazza-cani che molti padroni hanno rinvenuto nell’area verde di via Onorato Vigliani, nel cuore nella periferia sud della città. E anche questa volta solo il fato ha voluto che il folle non facesse altre vittime. «C’è mancato poco con il mio Pathos – commenta un padrone -. Stava per ingoiarlo, ma per fortuna me ne sono accorto in tempo. Ce n’erano anche altri, e li ho buttati via tutti».

Non è la prima volta che qualcuno si diverte a gettare bocconi killer nelle aree cani di Torino: «Il consiglio che possiamo dare ai residenti e ai padroni commenta Alessandro Nucera, vicepresidente della Due – è quello di non rimuovere le esche ed avvisare immediatamente le forze dell’ordine in modo che possano fare i dovuti accertamenti. E se possibile evitare che gli animali entrino in contatto con il cibo killer, perché può anche contenere sostanze velenose al solo contatto. Proprio per questo i residenti devono, per quanto possibile, stare attenti ed avvisare subito le autorità».

«Purtroppo sono episodi frequenti – ammette Matteo Nicastri, veterinario della clinica Anubi – solitamente i bocconi si dividono in due tipologie: quelli tossici, quindi con veleni al loro interno, e quelli con chiodi o pezzi di vetro impastati con la carne macinata. In entrambi i casi bisognerebbe cercare di portare al più presto l’animale dal veterinario: per le sostanze tossiche solitamente si cerca di fare vomitare il cane, mentre chiodi e affini è bene evitarlo, perché potrebbe subire ulteriori danni. In quel casi si procede con una operazione». L’ultima trovata dei killer di animali è però quella di riempire il boccone con degli spilli, invisibili anche per i padroni.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo