POZZO STRADA

Blackout Pozzo Strada: tra Carluccio e Trecate solo chiusure e disagi

In via Rua il murales per Mauro Rostagno

Al confine con Grugliasco ma di diritto ancora all’interno della Circoscrizione 3. Per il quartiere Pozzo Strada gli ultimi anni non sono certo stati facili. L’anagrafe, la piscina Trecate, la biblioteca Carluccio, la scuola King sono le principali noti dolenti. Servizi chiusi, per un motivo o per l’altro, che finiscono per pesare sulla cittadinanza.

Troppi punti interrogativi

Partiamo dall’anagrafe di via De Sanctis. Chiusa, con largo anticipo, dal 15 novembre 2018 a causa della mancanza del personale necessario l’anagrafe non ha mai più riaperto. Motivo della chiusura fu il pensionamento di una delle impiegate. Una circostanza, a dire il vero, già messa in preventivo, ma che purtroppo non ha permesso ai dipendenti rimanenti di mantenere aperto l’ufficio.

E passiamo alla biblioteca Carluccio di via Monte Ortigara. Chiusa da cinque anni, da quando nel gennaio del 2015 sono stati ritrovati pannelli con amianto. Da quel momento, il calvario. Lavori che sembravano non finire mai, controlli e ispezioni a più riprese. A fine 2017, cioè due anni e mezzo dopo la chiusura, la sindaca Appendino con un messaggio Facebook annunciava la riapertura per i primi mesi del 2018. Niente da fare. Quindi tante riunioni, fortemente volute dalla circoscrizione Tre sulla spinta della protesta dei cittadini. E nuovi annunci da parte del Comune.

Chiudiamo con la piscina Trecate di via AlecsandriRimasta chiusa anche la scorsa estate, con grande rammarico degli utenti del quartiere Pozzo Strada che fino all’ultimo hanno sperato nella riapertura per poter andare a nuotare. La seconda procedura di affidamento esterno, indetta il primo luglio, purtroppo è andata male. Gara deserta, perché alla scadenza non sono pervenute offerte all’Ufficio protocollo della circoscrizione Tre per la concessione. Difficile non citare anche l’ex centro d’incontro di via Vipacco, devastato da un incendio.

Gli interventi di AxTo

Partiamo dalla scuola dell’Infanzia “C.Agazzi” di via Postumia 28 che ha visto il rifacimento e l’impermeabilizzazione dei cornicioni e interventi di ripristino sul sistema di raccolta acque. Alla primaria “Fattori” di via Castellino 10, invece, ecco il rifacimento parziale dei cornicioni e interventi di ripristino sul sistema di raccolta acque. Alla Perotti di via Tofane, invece, si è proceduto con la rimozione dell’amianto e relativa bonifica.

Alla King 3 di corso Francia, realizzazione di rivestimenti in erba sintetica, in gomma antitrauma e resina colorata. Ritinteggiatura delle superfici verticali con inserti in erba sintetica. Ripristini delle aiuole e piantumazione di rampicanti. Oltre alla realizzazione di aree per la didattica, la socializzazione e il relax con inserimento di panche, tavoli e gazebo. Infine da segnalare gli interventi di ripristino fognario per il mercato di corso Brunelleschi.

Chiese e murales

Non tutto è da buttare, anzi. In via Bardonecchia 161 spicca la chiesa della Natività di Maria Vergine. Adibita a polveriera durante l’assedio francese di Torino e fatta esplodere, venne ricostruita e ampliata in più occasioni. Fu lievemente danneggiata, in data imprecisata, dai bombardamenti della seconda guerra mondiale, così come gli adiacenti locali della casa parrocchiale. È del settembre del 2017, invece, l’inaugurazione di un murales alla memoria di Mauro Rostagno, il giornalista ucciso dalla mafia nel 1988. L’opera, pensata dal Liceo Passoni di Torino, è stata realizzata dal writer professionista Karim.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single