COLLEGNO

Il bimbo ha fretta di nascere, la mamma partorisce in casa

Lieto fine anche grazie all'assistenza del personale di un'ambulanza del 118

Partorire in casa, fino a metà del secolo scorso, era una prassi piuttosto comune, con la levatrice a supportare la mamma di turno nel momento più importante della vita di una famiglia: la nascita di un bambino. Ma anche nel 2019 può accadere che una madre sia costretta a partorire in casa. Come è successo alle prime luci di ieri alla periferia di Collegno.

Tutto è cominciato quando la quasi-mamma ha chiamato d’urgenza il 112 per chiedere l’intervento veloce di un’ambulanza perché non si sentiva bene. E quando ha spiegato di essere incinta, l’ambulanza del 118 della Croce Rossa di Rivoli si è letteralmente precipitata in quel di Collegno, vista la situazione di assoluta emergenza.

Appena entrati in casa, medico e infermieri, dopo aver visitato la donna, hanno compreso come la situazione fosse delicata, decidendo così che il parto non si sarebbe fatto in ospedale, bensì in quell’abitazione. Il tutto fra lo stupore dei parenti e del marito della donna, che in pochi istanti si sono dovuti “calare nella parte” e dare una mano all’équipe sanitaria nel far sì che la donna desse alla luce il bambino e che tutto andasse nel migliore dei modi possibili.

Appena è nato il piccolo Lorenzo, nell’abitazione è esplosa la felicità dopo interminabili minuti di forte preoccupazione. Grande la gioia e anche la soddisfazione da parte del personale 118 per questo intervento insolito, che non capita tutti i giorni, anche se negli ultimi mesi in provincia di Torino in più di una circostanza si è letto di parti avvenuti in auto, in una corsia d’emergenza dell’autostrada o della tangenziale o in qualche strada di periferia di una città.

Dopo il lieto evento, i soccorritori hanno trasportato la madre e il bambino all’ospedale Martini Nuovo di Torino, dove ora sono ricoverati a scopo precauzionale, specie visti i piccoli problemi avuti dalla madre nei momenti precedenti al parto casalingo. Per fortuna, tutti e due stanno bene e fra pochi giorni potranno fare ritorno a casa. Per la gioia di tutta la famiglia.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single