Joe Biden (Depositphotos)
Buonanotte
EDITORIALE DEL GIORNO

Biden il ventriloquo

Mentre nelle brume di un martedì novembrino sono alla solita caccia di un tema, una notizia allegra squarcia la noia dei bla bla pandemici: al summit ecologico di Glasgow il presidente Usa Joe Biden avrebbe scorreggiato in faccia alla consorte dell’erede al trono inglese. Camilla, esterrefatta (e forse anche un po’ torrefatta) non fa che parlarne. Così scrivono i tabloid inglesi: si è trattato di un peto “lungo e rumoroso” emesso alla presenza dei leader mondiali. Pensate il casino che ne sarebbe derivato se lo avesse fatto Trump. Ma a nonno Biden si perdona tutto, e quindi ne riparlo qui, convinto che voi lettori non vi scandalizziate. Dopotutto in epoche di ben maggior castigatezza formale uscirono a stampa volumetti come “La Petologia, ossia origine, utilità e necessità delle corregge” capriccio poetico in tre canti di autore anonimo (1850) che dice: “Dunque, o mio lettor discreto / devi pria saper che il peto / da quel tanto che sappiamo / ebbe origine da Adamo / il qual spesso ne faceva / perché anch’esso il cul avea”. Nella Torino fresca capitale d’Italia fu stampata dalla Tipografia Perino (1869) “La peteide” di Loffino Venticuli, che recita: “Amici, dunque, unitevi / meco, e gridate lieti: / abbiano lode e vivano /gli svariati peti!!”. Anche questa in tre canti come la successiva “Merdeide” dell’Abate Angelo Penoncelli (Tipografia Bellardi – Torino, 1874). Tre cantiche. Dante faceva scuola anche oltre il suo celebre verso “ed elli avea del cul fatto trombetta” (Inferno, XXI, 139). Dunque, se vogliamo liquidare l’argomento (ma spero che a Biden non si sia liquidato…) possiamo concludere con un sorriso: non è stata una gaffe, ma una dotta citazione dantesca.

collino@cronacaqui.it

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Buonanotte
EDITORIALE DEL GIORNO
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo