Lina, badante
Cronaca
L’ALBUM

Bici, volontariato e famiglia: i sogni del dopo quarantena

I torinesi entrano nella Fase 2. E c’è chi punta a riprendersi i suoi hobby

Lina ha passato tutta la quarantena dentro casa insieme al marito, senza particolare difficoltà, ma ora è felice di poter tornare a lavorare. «Sono una badante – racconta Lina sorridente, mentre in metropolitana raggiunge la casa dove presterà servizio -. Mi hanno fatto un contratto in regola». Il marito, invece, è rimasto a casa: per lui la fase due non è ancora cominciata. «La ditta di Nichelino dove lavora per il momento è ferma e così per il momento lavoro solo io»

Due mesi di reclusione anche per Edoardo Covone, residente a Santa Rita. I suoi hobby – su tutti la fotografia che lo mette sempre di buon umore – sono stati accantonati temporaneamente in un cassetto. «Ma ora – spiega Edoardo – spero a poco a poco di poter riprendere in mano la mia vita». Tra marzo e aprile ha sofferto, barricato in casa, ma si augura una Fase 2 che ridia ai torinesi ciò che hanno perso.

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo