Nei guai un 27enne ed un 51enne

Beccati dai carabinieri i piromani del Pinerolese: scatta la denuncia

Uno è accusato di aver bruciato la tettoia di un magazzino, due cassonetti e un trattore a Bibiana, l'altro di aver provocato un incendio in una chiesa di Luserna San Giovanni

Una gazzella dei carabinieri

Piromani scatenati nel Pinerolese: in due finiscono nella rete dei carabinieri. Si tratta di un giovane di 27 anni e di un uomo di 51. Entrambi italiani. Il primo è stato denunciato dai militari del distaccamento di Cavour per aver incendiato, lo scorso 23 aprile, la tettoia di un magazzino in via del Verné a Bibiana (Torino).

IL ROGO APPICCATO NEL CORTILE DI UNA DITTA
Il rogo, secondo quanto accertato dalle forze dell’ordine, è stato appiccato all’interno del cortile di una ditta di lavorazioni di pietre. Evidentemente non soddisfatto del risultato, il giovane aveva dato alle fiamme anche due cassonetti della spazzatura in piazza 3° Alpini e a un trattore agricolo.

FIAMME NELLA CHIESA DEL SACRO CUORE
Il 51enne è accusato, invece, di aver provocato un incendio nella chiesa parrocchiale del “Sacro Cuore di Gesù” in via Roma a Luserna San Giovanni (Torino). L’episodio risale allo scorso 7 maggio.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single