baroni horse ball gn+
Sport
CUCEGLIO

«Baroni, il più forte del mondo»: è ospite del Global Tour a Praga

Il 17enne canavesano scelto dalla Longines come campione di Horse Ball

«Quando ho ricevuto la telefonata, mi tremavano le gambe». Una chiamata al cellulare che ha incoronato Alessandro Baroni di soli 17 anni, come il più forte cavaliere di Horse Ball del pianeta. Un riconoscimento che gli è stato tributato dall’organizzazione del “Longines Global Champions Tour”, il circuito equestre internazionale di maggior prestigio al quale partecipano i migliori campioni di equitazione del mondo. Alessandro Baroni, natali eporediesi, vive a Cuceglio e gestisce con la mamma Paola Cavagnetto e le sorelle Chiara e Silvia l’omonima scuderia della “Tenuta la Grecia”. Dopo la telefonata, il giovane atleta è salito sul primo volo e ha raggiunto Praga dove si è svolta una delle tappe del tour al quale è stato invitato per una dimostrazione, tra una gara di salto ostacoli e l’altra, di Horse Ball, una sorta di pallacanestro a cavallo. Una disciplina che gode di un grande successo nei Paesi anglosassoni e di lingua spagnola, ma che ha il suo “Ronaldo” in un piccolo centro canavesano. Una disciplina che si sta espandendo anche in Italia e che in Piemonte può contare su due centri equestri di eccellenza, a Novi Ligure e a Cuceglio. Ma prima di fare canestro, è necessario che ciascun atleta si alleni con intensità e costanza per diventare un cavaliere provetto e riesca a creare con il proprio cavallo, un’empatia fuori dal comune. Giornate di lavoro, concentrazione, impegno e passione, solo così si diventa «il più forte del mondo». Purtroppo, almeno rispetto ad altri sport, e in verità solo in Italia, il circuito Horse Ball non code di particolare attenzione da parte di sponsor e pubblico e anche la Federazione, almeno finora, ha investito le maggiori risorse nelle altre discipline equestri. Ma le performances di “Alessandro-Ronaldo” potrebbero essere un incentivo per cambiare le cose. Insomma, un’occasione da non perdere.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo