Schermata 2017-10-06 alle 23.33.54
News
Rinascita flop anche all’ex Osi-Ghia, tra corso Dante e via Agostino da Montefeltro, dove era prevista la costruzione di un bio-campus

Baracche e materassi tra le macerie. Vivono nelle fabbriche senza operai

I progetti di riqualificazione falliscono e gli stabilimenti diventano casa per i disperati

Dicevano che questo gigante di cemento sarebbe rinato. Che il cuneo di 52mila metri quadri che da corso Dante si conficca nei binari della ferrovia che scorrono intorno sarebbe diventato l’esempio di ciò che Torino avrebbe dovuto fare con i monumenti del suo passato industriale: una vecchia fabbrica “trasformata”, gli spazi riutilizzati per farne un ecocampus che rappresentasse anche simbolicamente il passaggio da città operaia a città della conoscenza.

Ma la metamorfosi, annunciata nel 2012, non c’è stata. Delle piazze, dei giardini pensili e degli alloggi disegnati sui rendering non c’è traccia. E l’ex Osi- Ghia, cinque anni dopo, si presenta come era allora. Forse peggio. Trasformata, questo sì.

CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE IN EDICOLA OGGI

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo