carabinieri
News
IL FATTO

Banditi armati nell’agenzia UnipolSai: feriscono un impiegato con il coltello

Due rapinatori ieri hanno assaltato l’ufficio di Chiusa San Michele e sono scappati con 8mila euro

Chiusa San Michele. Ha sorpreso due ladri che stavano rubando all’interno dell’agenzia e ha cercato di fermarli, rimediando una coltellata alla mano. Per fortuna la ferita non è grave ma poteva finire molto peggio la rapina di ieri pomeriggio all’interno dell’agenzia di assicurazioni UnipolSai di via Susa 63.

L’ufficio si affaccia su quella che in realtà è la statale del Moncenisio, in un isolato vicino ad altri negozi e nei pressi di numerose case e villette. Insomma, non proprio una zona isolata ma neanche la presenza di possibili testimoni ha scoraggiato i due malviventi che ieri pomeriggio hanno preso d’assalto l’UnipolSai. Secondo quanto è stato ricostruito dai carabinieri, i due sarebbero riusciti a introdursi nell’agenzia mentre il personale era in pausa pranzo. La speranza dei due probabilmente era quella di trovare i soldi versati da veri clienti nelle ore precedenti però evidentemente non avevano calcolato bene i tempi. Infatti un impiegato, un 50enne, li ha sorpresi all’interno dei locali quando è rientrato ed è entrato dalla porta sul retro.

L’uomo, alla vista dei due sconosciuti che rovistavano nei cassetti, ha subito capito cosa stava accadendo e d’istinto ha reagito, cercando di fermare i banditi. Ne è nata una colluttazione, finita quando uno dei due ha estratto dalla tasca un coltello o un taglierino e ha sferrato un fendente al 50enne. Per fortuna la lama ha solo sfiorato l’impiegato, procurandogli una ferita al torace. Tanto è bastato però per mettere fine allo scontro: alla vista del sangue tutti si sono fermati e i due rapinatori ne hanno approfittato per guadagnare l’uscita, con in tasca un bottino di circa 8mila euro tra contanti e assegni circolari.

A quanto pare, i due sarebbero scappati a piedi ma non è escluso che poco distante avessero un mezzo o un complice che li attendeva su un’auto pronta alla fuga. In via Susa sono immediatamente intervenuti i medici del 118. Il ferito ha rifiutato il trasporto in ospedale, optando per una medicazione sul posto. Nel frattempo, ha risposto alle domande dei carabinieri della compagnia di Susa, che hanno cercato di ricostruire con precisione quanto avvenuto per cercare di risalire all’identità dei due malviventi. La pista principale è ovviamente quella della rapina ma per ora non vengono escluse neanche altre ipotesi.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo