incendio banco mercato corso brunelleschi
Cronaca
CORSO BRUNELLESCHI

Banco del mercato in fiamme. E scatta la caccia al piromane

Bruciato a mezzanotte lo storico stand di frutta e verdura

Fuoco e fiamme nella notte in corso Brunelleschi. Un incendio ha devastato un banco del mercato di frutta e verdura piazzato all’altezza del civico 25. I vigili del fuoco hanno spento il rogo ma dello stand è rimasta soltanto la struttura di metallo e un tappeto di cenere per terra. All’interno si vedono ancora i cartelli con i prezzi della frutta e della verdura e qualche cassetta di legno quasi completamente carbonizzata. Il banco è di proprietà di Antonio, ambulante presente in corso Brunelleschi da circa 40 anni. Resta ancora da chiarire la natura dell’incendio.

«Dai nostri balconi abbiamo visto le fiamme divampare intorno a mezzanotte e subito abbiamo allertato i pompieri» spiegano i residenti dei palazzi di fronte che nell’oscurità non hanno potuto individuare un eventuale piromane allontanarsi. Sconvolti gli ambulanti del mercato rionale. «È la prima volta che che qui si verifica una cosa del genere» spiega Giuseppe, altro ambulante storico, presente nel corso da trent’anni. «Una volta – ricorda – qualcuno aveva lanciato dei fuochi d’artificio e avevano preso fuoco i tetti delle strutture ma davvero non avevo mai visto uno stand interamente carbonizzato». La natura del rogo resta però ancora un mistero e la questura non esclude nulla: dal gesto dimostrativo di un piromane, all’ombra del racket.

«Non riesco a capacitarmi di chi possa aver deciso di compiere un’azione simile – aggiunge Giuseppe -, è difficile che chi vende frutta e verdura possa dar fastidio a qualcuno. Ma è anche strano che un incendio scaturisca all’improvviso a mezzanotte». Grande è lo stupore anche tra i vicini di banco. «Da anni siamo in ottimi rapporti con Antonio e il figlio Michele, qui al mercato non c’è mai stato nessun problema». Ora tra gli ambulanti c’è paura: «Temiamo a lasciare i nostri banchi incustoditi di notte».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo