container bambini
Cronaca
CUMIANA

«Bambini nei container, ma zero finanziamenti per una nuova scuola»

La richiesta d’aiuto del sindaco Roberto Costello

«In questi tre anni i programmi elettorali che avevamo fatto sono cambiati di fronte alle nuove emergenze» così il sindaco di Cumiana, Roberto Costello fotografa la situazione attuale nella sua città. «Sia di fronte all’aumento dei costi per l’energia, basti pensare che il bilancio è gravato da 300mila euro di spese in più per le bollette, sia soprattutto a causa della pandemia».

Ma sono due le questioni più urgenti da risolvere: la sede delle scuole e la casa di riposo “Famiglia Bianchi”. «Abbiamo una RA, ovvero una casa per autosufficienti, che a fine 2022 ci sarebbe costata 240mila euro di deficit per ospitare 12 persone. Quindi abbiamo deciso di chiudere a giugno, con qualche difficoltà e con qualche disagio». I dodici ospiti già da giugno sono stati trasferiti in altre strutture sia del posto sia in Comuni in cui sono residenti. «E’ stata una scelta dolorosa» aggiunge il sindaco, che ricorda: «Avevo fatto il segretario negli anni ’90, è una casa comunale che purtroppo è arrivata dallo scioglimento». Risolta la questione più urgente, ovvero trasferire gli anziani, resta quella di trovare una nuova destinazione per l’edificio di via Chisola, 6. «Abbiamo attivato un tavolo di lavoro con le organizzazioni sindacali, il Ciss e l’Asl per trovare soluzioni per il futuro dello stabile, vogliamo che abbia una destinazione sociale». Tra le alternative, la possibilità di aprire un centro diurno per anziani. «Abbiamo anche altre ipotesi ma dobbiamo valutarli con i privati, al momento nulla di certo».

L’altro problema che attanaglia l’Amministrazione Costello è quello dell’Istituto Comprensivo che incorpora elementari e medie. La struttura era stata dichiarata instabile e nel 2020 era stata abbattuta. «Al momento abbiamo 200 bambini in 70 container – spiega il sindaco – la scuola è stata demolita, ma nel frattempo non abbiamo nessun finanziamento né a livello regionale, né a livello di Pnrr che possa fare al caso nostro. A livello regionale devono esaurire la graduatoria della programmazione del 2018/2020, bando cui il Comune di Cumiana all’epoca non si era presentato, e sul piano del Pnrr finora non hanno fatto un bando specifico su aule e laboratori. Prima di occuparsi di grandi opere dovrebbero tenere da conto le emergenze dei piccoli comuni».

Il Comune di Cumiana resta anche attento alla questione dell’inceneritore di Frossasco. «Ci teniamo informati, ma per ora non si sono fatti grossi passi in avanti perché siamo ancora alla valutazione urbanistica. Per ora la situazione è in stallo da due mesi a causa delle questioni burocratiche che dovrebbero stabilire come fare questa variante. E’ un momento di stasi, ma stiamo attenti. Il comitato Frossasco Ambiente tiene sotto controllo la situazione. Purtroppo siamo ancora lontani dalle conferenze di servizio cui parteciperemo».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo