VERSO SANREMO

Baglioni tra Bisio e Raffaele. Giallo sull’arrivo di Zalone

Se il 69 rappresenta per l’incorreggibile Claudio Bisio un numero dai riferimenti “hot” alquanto scontati, per il direttore artistico Claudio Baglioni è, invece, l’occasione per parlare degli opposti. Come gli stessi co-conduttori scelti alla guida della prossima edizione del Festival di Sanremo (appunto la 69esima, dal 5 al 9 febbraio prossimi) presentata ieri al Teatro Ariston, Bisio, appunto, e Virginia Raffaele («fratello Sole e Sorella Luna», specifica Baglioni), o il bene e il male, lo yin e lo yang della cultura orientale riproposti anche nel logo del festival proprio attraverso il numero 69. «Un’edizione – ha spiegato Baglioni – che avrà come filo conduttore l’armonia e che come l’anno scorso dovrà puntare sulla musica italiana. Le regole saranno le stesse, prima fra tutte la conquista della “non eliminazione”. Ma anche un’edizione nel segno dell’attualità, della riflessione», tanto per seguire la filosofia dettata dalla direttrice di Raiuno, Teresa De Santis. È così alla domanda sui migranti al largo di Malta il “dirottatore artistico” (come si è definito lo stesso Baglioni) si è lasciato andare a un commento deciso: «Le vicende di oggi se non fossero drammatiche sarebbero da ridere. Non si può pensare di risolvere questo problema evitando lo sbarco di 40-50 persone, siamo alla farsa. Lo dobbiamo dire. L’Italia è un Paese incattivito, dove consideriamo pericoloso il diverso da noi e guardiamo con sospetto anche la nostra stessa ombra. Le misure prese dall’attuale governo, come i precedenti, non sono all’altezza della situazione. Se la questione fosse stata presa in considerazione anni fa, non si sarebbe arrivati a questo punto». Via Twitter arriva la risposta piccata del ministro dell’Interno, Matteo Salvini: «Canta che ti passa, lascia che di sicurezza, immigrazione e terrorismo si occupi chi ha il diritto e il dovere di farlo». Tornando alla gara, le serate saranno dedicate tutte alle esibizioni dei 24 cantanti in gara (22 Big e 2 Giovani), il venerdì ogni artista riproporrà il suo brano accompagnato da un collega e il sabato ci sarà la finalissima. Fra gli ospiti attesi, Claudio Baglioni ha confermato la presenza di Elisa, Giorgia, Andrea Bocelli e il figlio, Pippo Baudo e Rovazzi. Giallo, ma neanche troppo, sul super ospite che dovrebbe essere Checco Zalone. Ancora un comico, quindi, ancora risate la cui quota rosa si chiama Virginia Raffaele, per la terza volta a Sanremo. La prima fu nel 2017 con Carlo Conti, la seconda nel 2018 come ospite e, adesso, come conduttrice («sono stupita che Baglioni mi abbia richiamata nonostante lo scorso anno gli abbia dato del vecchio», ha detto scherzando). Non ci sono novità, invece, sugli ospiti stranieri che, nel caso, dovranno rispettare la rigida clausola del direttore artistico ossia di cantare in italiano. «Chi viene al Festival – ha detto a tal proposito – deve lasciare qualcosa non prendere e basta. Non mi piacciono le operazioni legate al puro marketing».

E quindi musica, musica, canzoni come quelle dei 24 cantanti in gara tra cui anche il Torinese Shade in coppia con Federica Carta con “Senza farlo apposta”, e ancora Patty Pravo e Briga, “Un po’ come la vita”; i Negrita, “I ragazzi stanno bene”; Daniele Silvestri, “Argento vivo”; Ex Otago, “Solo una canzone”; Achille Lauro, “Rolls Royce”; Arisa, “Mi sento bene”; Francesco Renga, “Aspetto che torni”; Boomdabash, “Per un milione”; Enrico Nigiotti, “Nonno Hollywood”; Nino D’Angelo e Livio Cori, “Un’altra luce”; Paola Turci, “L’ultimo ostacolo”; Simone Cristicchi, “Abbi cura di me”; Zen Circus, “L’amore è una dittatura”; Anna Tatangelo, “Le nostre anime di notte”; Loredana Bertè, “Cosa ti aspetti da me”; Irama, “La ragazza con il cuore di latta”; Ultimo, “I tuoi particolari”; Nek, “Mi farò trovare pronto”; Motta, “Dov’è l’Italia”; Il Volo, “Musica che resta”; Ghemon, “Rose viola”.
I Giovani sono Mahmood con “Gioventù bruciata” e Einar con “Centomila volte” scritta dal giovane autore torinese Ivan Bentivoglio.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single