Tito Traversa era una promessa dell'arrampicata
News
IVREA Cambia il giudice, prima udienza per Tito Traversa il 6 dicembre

Baby scalatore morto nel 2013: dopo 4 anni processo da rifare

La titolare del fascicolo trasferita ad altra sezione, si ricomincia da capo

Dopo quattro anni, il processo per la morte del dodicenne eporediese Tito Traversa deve essere rifatto dall’inizio. Il motivo è nel trasferimento del giudice del tribunale di Torino, Rossella La Gatta, titolare del fascicolo, ad un’altra sezione, per cui dovrà essere riassegnato ad un nuovo magistrato (Maria Iannibelli) e, quindi, ricominciare dall’inizio dell’istruttoria dibattimentale.

Il processo riguarda la tragica morte del piccolo Tito che cadde da una parete rocciosa a Orpierre in Francia, il 3 luglio del 2013. Il bambino era una promessa dell’arrampicata sportiva, dopo aver fatto un salto nel vuoto di circa 20 metri che gli provocò un grave trauma cranico, varie fratture e contusioni, morì dopo due giorni, il 5 luglio.

Per la sua morte tre persone sono state rinviate a giudizio con l’accusa di omicidio colposo. Si tratta di Carlo Paglioli, 72 anni (avvocato Maurizio Riverditi), Luca Giammarco, 48 anni, torinese, celebre arrampicatore e fondatore della scuola frequentata da Tito (avvocato Lorenzo Vitali) e l’istruttore Nicola Galizia, torinese assistito dall’avvocato Luca Bruno. I genitori del piccolo, sono assistiti dall’avvocato Paolo Chicco, e si sono costituiti parte civile.

«Il giudice Rossella La Gatta, è stata trasferita in un’altra sezione del tribunale torinese – spiega l’avvocato della famiglia Traversa – quindi il processo per la morte di Tito è stato affidato alla dottoressa Maria Iannibelli che, come previsto dal codice di procedura penale, ricomincerà da capo. Quando sono stato messo al corrente, sono andato a parlare con il presidente del tribunale per chiedere il rapido avvio del nuovo processo, che ci è stato concesso. Il procedimento inizierà il 6 dicembre prossimo». In quella data saranno, quindi, ascoltati nuovamente i testimoni dell’accusa e ricomincerà il dibattimento che dovrebbe, infine, portare a fare chiarezza sulle cause e le circostanze della morte di Tito.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo