piazza baldissera traff
Il Borghese

Automobilisti all’inferno

A vedere cosa capitava ieri pomeriggio nelle strade di Torino, molti qui in redazione hanno pensato subito alle immagini di certi film catastrofici o dell’orrore, con le file di auto bloccate sulle strade per una fuga impossibile da eserciti alieni oppure orde di morti viventi. In questo caso, però, il mostro non è una creatura dello spazio o un virus o un asteroide: è una semplice rotonda verso la periferia della città. Piazza Baldissera, nuovo capolinea dell’inferno degli automobilisti. Ne parliamo da tempo, ma mai come ieri si era visto uno spettacolo del genere: un colossale ingorgo che si è riversato lungo altre direttrici, corso Principe Oddone, corso Regina Margherita fino al Rondò della forca… Auto intrappolate, bus che facevano scendere i passeggeri perché potessero mettersi in salvo a piedi. Ma che è successo? Semplicemente che, in questi giorni, il Comune ha iniziato a sperimentare il piano per decongestionare la zona. A occhio e croce, qualcosa non ha funzionato. I vigili urbani avevano chiuso parte dei corsi per far defluire le auto, invece si è creato un tappo che ha riversato il problema in un’area enorme. E otto pattuglie di civich hanno lavorato per ore nel tentativo di normalizzare la situazione. Tempo di passare al piano B, ma dal momento che per il Comune un sottopasso non serve a nulla, ci si chiede cosa si escogiterà adesso. Il bello è che, dall’altra parte della città, si sperimentava la copertura 5G per far volare droni a supporto della polizia municipale per il controllo del territorio. Forse, invece, alle volte basterebbe guardare le cose più terra terra…

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo