Schermata 2017-09-01 alle 20.25.32
News
La riunione ha definito interventi di breve, medio e lungo periodo

Arrivano le indicazioni per ridurre l’impatto visivo delle barriere antiterrorismo: ecco come saranno

La verniciatura sarà in linea col Piano Colore della Città, poi si farà un bando per trasformare queste barriere in arte urbana

Dall’incontro che si è tenuto oggi tra assessori comunali, il presidente dell’Accademia Albertina, Fiorenzo Alfieri, la Soprintendente Luisa Papotti, i componenti delle associazioni impegnate nel progetto MurArte e Germano Tagliasacchi per la Fondazione Contrada Onlus, sono venute fuori le indicazioni che renderanno meno impattanti visivamente le barriere antiterrorismo installate a Torino la settimana scorsa.

La verniciatura sarà in linea col Piano Colore della Città, poi si farà un bando per trasformare queste barriere in arte urbana e successivamente ricollocazioni che possano restituire alcune prospettive visive dei percorsi pedonali oggetto di intervento negli ultimi giorni.

“Renderemo le barriere antiterrorismo oggetti di arredo urbano capaci di dialogare con lo spazio cittadino in cui si trovano e rendendoli portatori di significati attraverso l’espressione artistica”, ha specificato l’assessora alla Cultura Francesca Leon al termine dell’incontro.

La riunione ha definito interventi di breve, medio e lungo periodo. La Città istituirà poi un Tavolo tecnico con gli assessorati competenti e la Soprintendenza per rivedere le collocazioni delle barriere.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo