Foto di repertorio (Depositphotos)
News
AMBIENTE

Arrivano 95 nuovi mezzi ecologici per la raccolta rifiuti nel Chierese

La Regione ha disposto uno stanziamento di 856.837 euro

Con un fondo di 856.837 euro messo a disposizione dalla Regione Piemonte, in 19 Comuni del Chierese saranno rottamati i vecchi mezzi per la raccolta rifiuti e sostituiti da 95 macchinari a metano, gpl benzina e gasolio di categoria Euro 6. Con la sottoscrizione nei giorni scorsi dell’accordo di programma tra l’assessorato regionale all’Ambiente, presidenza e consorzio chierese, oltre ad incrementare la raccolta differenziata si aggiunge agli obiettivi anche quello della tutela della qualità dell’aria. Sui circa 2 milioni circa di investimento previsti dal consorzio per garantire gli standard della raccolta rifiuti sul territorio, circa la metà sono stati stanziati dalla Regione. «Centriamo due obiettivi – hanno spiegato il presidente della Regione, Alberto Cirio e l’assessore all’Ambiente, Matteo Marnati – quello di potenziare la raccolta differenziata e quello di salvaguardare la qualità dell’aria con la sostituzione dei vecchi mezzi inquinanti». L’accordo è finalizzato al mantenimento del servizio di raccolta domiciliare dei rifiuti urbani nel territorio consortile chierese, ma anche al miglioramento delle prestazioni ambientali in riferimento alla qualità dell’aria con l’acquisto di automezzi che garantiranno minori emissioni anche inferiori rispetto a quanto previsti dalla legge. Il servizio di raccolta domiciliare dei rifiuti urbani interessa 53.901 utenze domestiche e 5.063 utenze non domestiche, nei Comuni di Andezeno, Arignano, Baldissero, Cambiano, Carmagnola, Chieri, Isolabella, Marentino, Mombello, Moncucco, Montaldo, Moriondo, Pavarolo, Pecetto, Pino, Poirino, Pralormo, Riva e Santena.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo