reciprocamensa
Cronaca
CHIERI

Apre il market per i poveri: una tessera per il cibo gratis

Si inaugura martedì la “Bottega solidale” dell’associazione Reciprocamensa

Sembra un supermercato ma la merce sugli scaffali è gratuita. A patto di avere una tessera da 100 punti, destinata solo a chi è residente a Chieri, ha un reddito basso ed è seguito dai servizi sociali: sono le “regole” con cui apre l’emporio solidale “La Bottega”, un progetto avviato dall’associazione ReciprocaMensa e concretizzato con l’aiuto del Comitato Medjugorje. E il Comune di Chieri ci ha messo del suo: ha destinato 150 metri quadri all’interno dell’ex caserma Scotti e ha dato 70mila euro di contributi per la ristrutturazione e l’acquisto dei prodotti. Martedì, dopo anni di attesa, l’emporio sarà finalmente accessibile (l’apertura sarà in orario 15-18 tutti i martedì e venerdì). I beneficiari sono persone con Isee inferiore a 6mila euro, soglia che può salire a 7.560 per anziani soli e a 9.360 per famiglie segnalate come indigenti dai servizi sociali: «Aiuteremo circa 80 famiglie, per un totale di 150-200 persone» stima Angela Formichella, portavoce di ReciprocaMensa. I prodotti a disposizione saranno come nei supermercati: frutta e verdura fresche, pane, alimenti a lunga conservazione, surgelati, prodotti per la casa e l’igiene personale. In parte saranno comprati dalle associazioni grazie ai fondi comunali, in parte saranno avanzi di mercati e supermercati: «Sono compresi anche carne, pesce o latticini prossimi alla scadenza, che invoglieremo a prendere per evitare lo spreco alimentare: è uno dei nostri obiettivi, oltre ad aiutare le persone in difficoltà». Quei prodotti, infatti, non verranno calcolati dalla “tessera a punti” che gli aventi diritto ritireranno allo Sportello sociale del Comune: avranno 100 punti ogni mese, che corrispondono più o meno a 100 euro da “spendere” alla Bottega.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo