appendino ramadan
News
Il discorso della sindaca al parco Dora per la chiusura del Ramadan

Appendino: “La città nelle ultime settimane ha vacillato ma non è caduta”

“Musulmani pagano prezzo più alto paura e insicurezza. Non si possono dividere le religioni in buone e cattive”

“Nelle ultime settimane Torino ha vacillato, ma non è caduta. E non cadrà se tutti coloro che la vivono, e che sentono di appartenerle, la sosterranno”. E’ un passo del discorso della sindaca, Chiara Appendino, per la fine del Ramadan, al Parco Dora. “Torino – ha proseguito il messaggio del primo cittadino – è la mia, la vostra, la nostra città, e tutte e tutti dobbiamo prendercene cura. Il nostro compito sarà essere protagonisti nella lotta alla paura”. La sindaca ha affermato che l’amministrazione deve “rendere gli spazi pubblici quanto più aperti e accessibili a tutti, salvaguardando le differenze e la pluralità ma anche il rispetto che ognuno di noi deve ai propri vicini”.

“MUSULMANI PAGANO PREZZO PAURA E INSICUREZZA”
“Voi, come anche altre culture e religioni, pagate purtroppo il prezzo più alto di questa paura e insicurezza perché ciò che è diverso, ciò che non si comprende o non si vuole comprendere sovente viene associato a fatti che in realtà spesso vedono in altro la loro origine” ha poi aggiunto la sindaca rivolta alle comunità musulmane.

NON SI POSSONO DIVIDERE LE RELIGIONI IN BUONE E CATTIVE
“Le istituzioni – ha proseguito il primo cittadino di Palazzo Civico – credo che debbano sempre chiaramente affermare che non si possono dividere le religioni in buone e cattive, perché ciascun uomo e ciascuna donna nella pratica dei propri valori e precetti di fede è responsabile delle proprie scelte tanto nel bene, quanto nel male e mai nessuno può addossare ad altri, o peggio ancora ad una comunità intera, responsabilità che sono e resteranno sempre solo individuali” ha concluso la Appendino.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo