La sindaca di Torino, Chiara Appendino
News
L’inchiesta era partita nei mesi scorsi dopo un esposto dei capigruppo di opposizione Morano e Lo Russo

Appendino indagata per falso ideologico in atto pubblico. La sindaca: “Sono serena”

Avvisi anche all’assessore Rolando e al capo di Gabinetto Giordana in merito alla vicenda Westinghouse e al debito fantasma di 5 milioni verso Ream scomparso dal bilancio 2016. Ricca (Lega): “Si autosospenda”

La sindaca Chiara Appendino è indagata dalla Procura di Torino per falso ideologico in atto pubblico in relazione al bilancio 2016. L’inchiesta, in merito all’area ex Westinghouse, è stata aperta dal pm Marco Gianoglio ed era scattata nei mesi scorsi in seguito a un esposto dei capigruppo di opposizione Alberto Morano (lista Morano) e Stefano Lo Russo (Pd) e riguarda un debito “fantasma” di 5 milioni di euro verso Ream, partecipata della Fondazione Crt che nel 2012 aveva acquisito il diritto di prelazione sull’area, scomparso dal bilancio 2016 del Comune.

Avvisi di garanzia notificati anche all’assessore al Bilancio, Sergio Rolando, e al capo di Gabinetto di Palazzo civico, Paolo Giordana.

LA SINDACA: “SONO ASSOLUTAMENTE SERENA”

Le parole della sindaca sono affidate a una nota: “Vi comunico che mi è appena stato notificato un avviso di garanzia dalla Procura di Torino per la vicenda Ream. Sono assolutamente serena e pronta a collaborare con la magistratura, certa di aver sempre perseguito con il massimo rigore l’interesse della Città e dei torinesi. Desidero essere ascoltata il prima possibile al fine di chiarire tutti gli aspetti di una vicenda complessa relativa all’individuazione dell’esercizio di bilancio al quale imputare un debito che questa amministrazione mai ha voluto nascondere”.

PARLA MORANO.

Tra i primi a commentare quanto accaduto, Alberto Morano, capogruppo della lista Morano al Comune di Torino. Il suo esposto ha di fatto dato inizio all’inchiesta sulla Westinghouse: “In Consiglio comunale avevamo più volte avvisato il sindaco e l’assessore al Bilancio sulla non corretta contabilizzazione della posta ed evidentemente qualche perplessità vi deve essere se la magistratura ha deciso di notificare l’avviso di garanzia”.

“LA SINDACA SI AUTOSOSPENDA”.

Il capogruppo della Lega Nord nel Consiglio comunale di Torino, Fabrizio Ricca, passa all’attacco: “Da chi ha preso voti urlando onestà e facendo la campagna elettorale sventolando cappi e manette, ci aspettiamo se non le dimissioni almeno un’autosospensione da sindaca. La coerenza prima di tutto”.

“APPENDINO-RAGGI: FALLIMENTO DI COPPIA”.

“Roma e Torino viaggiano in coppia per fallimenti amministrativi e indagini. Davvero complimenti al #M5s #honesta”. E’ quanto scritto su Twitter da Alessia Morani, vicepresidente del gruppo Pd alla Camera.

“SINDACA INCAPACE”.

Ci va giù duro anche il segretario dei Moderati Giacomo Portas: “Non avevamo dubbi sull’incapacità del sindaco Appendino a governare la città di Torino. Ma noi siamo garantisti sempre. Se i fatti comunque fossero confermati, Appendino si deve dimettere”.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo