parcheggiatore abusivo gn
Cronaca
BARRIERA MILANO

Anziano rapinato per 7 euro da un parcheggiatore abusivo

Torna l’incubo del racket davanti all’ospedale San Giovanni Bosco

Anziani rapinati e taglieggiati per pochi euro, aggressioni, intimidazioni. Per non parlare dei vetri rotti, le ruote sgonfiate e le righe sulle portiere delle auto. Davanti all’ospedale San Giovanni Bosco di Barriera di Milano, in piazza Donatori del Sangue, torna l’arrogante racket dei parcheggiatori abusivi. Due i posteggi incriminati, uno in mano ai tossici (lungo via Monte Rosa) e l’altro a bande di delinquenti e rom (vicino via Mercadante). Esattamente come accadeva anni fa. «Una situazione vergognosa – così l’ha definita la consigliera di Fdi della Circoscrizione 6, Verangela Marino -, che tocca sia i parenti dei malati sia gli stessi sanitari. Sicuramente servono controlli ma questo incubo deve vedere la parola fine».

A un anziano hanno persino portato via il borsello con dentro appena 7 euro. Ma anche molti medici e infermieri dell’ospedale vengono, sistematicamente, avvicinati da ambigui soggetti che chiedono monete in cambio della “protezione” del parcheggio. Alcuni con un giornale ben arrotolato in mano, nel tentativo di spaventare i passanti. Persino chi va a farsi il vaccino contro il Covid. «Incontri poco piacevoli soprattutto per le donne – ha raccontato la consigliera del Pd, Marina Busso -, perché i modi di queste persone sono davvero terribili». I parcheggiatori aspettano la loro preda al varco, appena l’auto svolta verso l’area di sosta uno di loro mostra il posto vacante. La vittima è costretta a sottostare. E subito dopo ecco scattare la richiesta. «Un euro per favore. Te la controlliamo noi» una delle classiche frasi pronunciate dagli aguzzini.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo