anziana invalida
Cronaca
SETTIMO TORINESE

Anziana immobilizzata a letto in una casa invasa dai rifiuti

Scarti e immondizia avevano raggiunto il soffitto di vari stanze

Erano preoccupati per le condizioni in cui era tenuto un cane e invece hanno trovato un’anziana invalida, costretta a letto, in condizioni igieniche spaventose in una casa invasa fino al soffitto da rifiuti e oggetti di ogni tipo.

Disposofobia. Questo è il nome scientifico del disturbo di cui soffrono gli accumulatori seriali. Un problema che questo volta ha colpito un’anziana coppia di Settimo Torinese: lui 81 anni e lei 69. A scoprire la loro situazione sono state le guardie zoofile di Agriambiente Torino, capitanate dagli istruttori capo Silvio Cerrato e Daniele Galietti, cui era arrivata una segnalazione relativa al cane della coppia, sentito abbaiare con insistenza dai vicini di casa in un giardino completamente celato alla vista da una serie di lastre di plastica. Dopo un primo sopralluogo nel corso del quale le guardie avevano intuito che in casa si potesse trovare una persona in difficoltà, la Procura di Ivrea ha ordinato una nuova e più approfondita verifica alla quale hanno partecipato anche Arpa, carabinieri, servizi sociali e polizia municipale.

Il cortile era invaso da ricambi usati, carcasse di auto, furgoni e mezzi da lavoro abbandonati, materiali di vario genere. Evidentemente il proprietario di casa, un ex demolitore in pensione, negli anni ha continuato ad accumulare materiale di questo tipo ma i problemi più gravi in realtà erano all’interno dell’abitazione della coppia. Tutte le stanze infatti erano erano ormai sature di immondizia e materiale di tutti i tipi, in alcuni casi arrivato al soffitto tanto che era impossibile entrarvi o aprire le finestre. La cucina e il bagno erano ormai inservibili. Infine, in quella che era la camera da letto, le guardie e gli agenti hanno trovato, immobilizzata a letto, la moglie del padrone di casa praticamente circondata e quasi sommersa da montagne di rifiuti, in condizioni igieniche che si possono facilmente immaginare. Unica consolazione, il cane era invece curato e non sono stati rilevati maltrattamenti.

Ovviamente sul posto sono intervenuti anche i sanitari del 118 che hanno poi provveduto a trasportare l’anziana donna al pronto soccorso dell’ospedale di Chivasso per tutti gli accertamenti del caso. Ora saranno i servizi sociali a seguire la coppia. Il primo intervento sarà nella loro abitazione, che dovrà essere sgomberata e sanificata.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo