Il corpo è stato trovato lunedì pomeriggio
News
CHIVASSO

Andrei ucciso da un’overdose. Ma il 22enne si poteva salvare

Quando è stato scaricato dall’auto in un campo forse era ancora vivo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Andrei Miron si poteva salvare. L’autopsia sul corpo del 22enne trovato privo di vita lunedì pomeriggio in un campo di Chivasso, eseguita ieri, ha stabilito che il giovane è morto per una overdose di cocaina. Un malore che l’ha colto quando era in compagnia di qualcuno che poi l’ha scaricato in quel prato, quando forse era ancora vivo.

Come previsto quindi l’autopsia ha segnato una svolta nelle indagini sulla fine di Andrei Miron. In procura a Ivrea sul caso è aperto un fascicolo per omicidio. Un atto dovuto per poter compiere determinati accertamenti tecnici ma tra poco, oltre a una ipotesi di reato, ci potrebbe essere anche qualche indagato. Le indagini dei carabinieri di Chivasso, coordinati dal procuratore capo Giuseppe Ferrando, avrebbero infatti già permesso di identificare le persone abitualmente frequentate dal giovane a Crescentino, dove risiedeva con la compagna e il figlio di sette mesi.

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo