ristori
News
LO STUDIO. Nessuna traccia dei fondi del Decreto Natale

Ancora niente Ristori. E il turismo ha perso cinque miliardi di euro

Hotel, pensioni e guide sono ridotte in ginocchio. In Piemonte a rischio 12mila imprese e 35mila lavoratori

L’unica consolazione dei ristoratori condannati all’asporto ormai da settimane erano i cosiddetti Ristori: 645 milioni di euro, una parte dei quali sarebbe dovuta arrivare entro la fine dell’anno appena concluso. Ebbene, domani sarà l’Epifania e di quei soldi promessi non è ancora arrivato nulla. Nel frattempo però il conto delle perdite è impietoso. Nel solo comparto del turismo si registrano quasi cinque miliardi in meno rispetto al 2019.

Negli ultimi 12 mesi l’emergenza pandemica ha fatto svanire oltre tre milioni e mezzo di visitatori, per un totale di quasi 10 milioni di pernottamenti. A fare i conti tra le macerie è Confesercenti Torino. «È un calo del 70%, che ha provocato una perdita di 800 milioni solo per gli alberghi e le altre strutture ricettive» lanciano l’allarme. La flessione riguarda, sia pure in misura diversa, tutti i comparti del turismo: si va dal 70% di alberghi, campeggi e rifugi alpini, al 60% per bar e ristoranti, all’80% per bus turistici e noleggi con conducente. Perdite fino al 90% per guide turistiche, agenzie di viaggio e animatori turistici.

+++ CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo