suk torino
News
Il Comune accelera sulla legalizzazione

Ammazzato al Suk: due settimane di sospensione per il mercato del “libero scambio”

Lo ha deciso il Comitato provinciale per l’ordine pubblico e la sicurezza convocato d’urgenza, questa mattina, dal prefetto Saccone

Verrà sospeso per due settimane il mercato “del libero scambio” di via Carcano, a Torino, dove ieri mattina è stato ammazzato un uomo. E’ quanto sarebbe emerso dal Comitato provinciale per l’ordine pubblico e la sicurezza convocato d’urgenza, questa mattina, dal prefetto Renato Saccone.

DECISIONI RESE NOTE OGGI IN CONSIGLIO
Con la sindaca Chiara Appendino, e gli assessori Roberto Finardi e Marco Giusta, vi hanno partecipato i vertici delle forze dell’ordine. Le decisioni del Comitato saranno comunque rese note nel pomeriggio in Consiglio comunale. La sospensione, secondo quanto appreso, era in parte già stabilita.

MA IL COMUNE ACCELERA SU LEGALIZZAZIONE
Allo stop per il ponte dei Santi si è aggiunto, in segno di lutto, quello della prossima settimana. Nel frattempo, l’intenzione sarebbe quella di accelerare sul percorso di legalizzazione già avviato dall’amministrazione comunale, con lo spostamento in un’unica sede di tutti i mercatini dell’usato per assicurare un maggiore controllo da parte delle forze dell’ordine.

DERI: “NON BASTA STOP SOLO SU VIA CARCANO”
Intanto la decisione del Comitato di “sospendere per due settimane le attività di Barattolo” viene criticata dal presidente della Circoscrizione 7 Luca Deri. “Ribadiamo – spiega l’esponente dem – la nostra richiesta che la sospensione del mercato debba riguardare non solo il lato di via Carcano, ma anche l’area del Canale dei Molassi/San Pietro in Vincoli perché i problemi inerenti la sicurezza sono i medesimi in entrambe le aree visto che si svolgono le stesse attività”.

RIVEDERE IMPOSTAZIONE GENERALE DI BARATTOLO
“Siamo convinti – prosegue Deri – che sia necessario rivedere l’impostazione generale di Barattolo in quanto le attività che ivi si svolgono e quelle di contorno non sono più gestibili in termine di controllo e di prevenzione”. “Il provvedimento – conclude Deri – dev’essere preso immediatamente e dev’essere valido sino a quando non sarà garantita la sicurezza”.

GIUSTA: STERILE EVOCARE SOLUZIONE RADICALE
“E’ facile e sterile parlare di una soluzione radicale, senza avere in mano un’alternativa. Sappiamo che l’attuale sistemazione del ‘Barattolo’ è una soluzione tampone, l’abbiamo sempre detto: stiamo lavorando, parlarne oggi sarebbe strumentale, come è strumentale trasformare questa vicenda in contrapposizione politica”. ha detto, dal canto suo, l’assessore alle Periferie Marco Giusta, intervenendo in Consiglio comunale.

FAMIGLIA HA DIRITTO AD AVERE INFORMAZIONI ACCURATE
“La famiglia della vittima – ha aggiunto Giusta – ha diritto ad avere tutte le informazioni accurate su quanto e’ successo, e non una girandola di illazione nate sui social”. L’assessore Giusta ha confermato che nella riunione di questa mattina del comitato per l’ordine e la sicurezza in prefettura e stato deciso di sospendere la manifestazione il prossimo fine settimana oltre a quello dei Santi. “Sappiamo che sarà difficile – ha detto – per questo abbiamo chiesto assicurazioni in merito al supporto alla gestione dell’ordine pubblico in queste due settimane”.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo