vialli mancini
Spettacolo
A SPASSO PER LE SALE DEL TFF

Altro che cinefili e intellettuali: un sold out di pop, sport e trash

C’era una volta il Torino Film Festival, la rassegna cinefila per eccellenza del panorama internazionale dove sfilavano opere prime di certo cinema d’autore. C’era e c’è ancora, niente paura ma, a spasso per il quadrilatero sul Po che ospita la quarantesima edizione della kermesse, durante la prima giornata di ieri i torinesi alle prese con gli acquisti del colpo di coda del black friday hanno visto di tutto. A partire dagli idoli indiscussi degli Europei, Roberto Mancini e Gianluca Vialli che, come previsto, sono stati presi d’assalto in un Reposi sold out durante l’anteprima delle 19 del film del regista di Avigliana Marco Ponti, “La bella stagione”, in uscita proprio lunedì 28 novembre. «Finalmente ci siamo – ha detto il papà di “Santa Maradona” – fiero di questa anteprima tutta torinese». Il doc racconta la nascita del duo dei miracoli che fece grande la Samp. La giornata a caccia di star, però, è iniziata molto prima con le masterclass di Noemi e Paola Cortellesi prese d’assalto, e l’arrivo in città dei divi delle fiction, Sergio Castellitto e Marco D’Amore. Bagno di folla e altro sold out più che meritato anche per l’attore premio Oscar di “La grande bellezza”, Toni Servillo, protagonista di un’altra masterclass alle 18,30 al Romano finita la quale i torinesi hanno accolto in massa il Divino mago Otelma cui è dedicato il documentario di Luca Ferri dal titolo “Vita terrena di Amleto Marco Belelli”, per il momento trash della giornata dove, non dimentichiamolo, a tenere banco sono stati anche i lungometraggi del concorso principale, tutto esaurito anche per loro, e quelli delle altre sezioni della gara. «Vogliamo che sia una festa per la città – ha ribadito più volte il direttore del festival Steve Della Casa nel corso dei preparativi – l’obiettivo è riportare le persone nelle sale e di omaggiare il cinema». Con i suoi volti più noti. Che dire, infatti, del pienone ancora al Romano alle 20 per “Arancia meccanica” alla presenza del protagonista Malcom McDowell in uno dei momenti più cult dell’intera settimana. E oggi si ricomincia. Con le masterclass, un classico di questo quarantennio che i torinesi sembrano apprezzare e che vedranno scendere in campo Mario Martone, alle 11 al Greenwich, e, alle 15 al Massimo, Pilar Fogliati e Giovanni Veronesi. Attesa per il bello delle fiction Marco Bocci, per Pietro Sermonti, per Barbara Bouchet e per Isabella Ragonese.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo