Frecciarossa
News
L’iniziativa

ALTA VELOCITÀ. Il Codacons ricorre al Tar contro il caro abbonamenti sulla tratta Torino-Milano

L’associazione a difesa dei consumatori in prima linea per evitare la stangata ai pendolari

No ai rincari per gli abbonamenti all’Alta Velocità sulla tratta Torino-Milano: il Codacons decidere di promuovere un ricordo collettivo al Tar del Lazio per costringere Trenitalia ad annullare qualsiasi aumento tariffario a danno degli utenti.

LE MOTIVAZIONI. Secondo il Codacons, si tratta di “una misura pasticciata”, quella dell’azienda, che inizialmente ha applicato, a partire dagli abbonamenti di febbraio, aumenti fino al 35%, per poi ridurre il rincaro al 17,5% a partire da marzo, creando disagi agli utenti che hanno già acquistato gli abbonamenti e che ora dovranno chiedere il rimborso.

“Si tratta di adeguamenti tariffari che non appaiono in alcun modo giustificati da un incremento quantitativo e qualitativo del servizio, e che determineranno un enorme danno economico per gli utenti del trasporto ferroviario – spiega il presidente Carlo Rienzi –. Altro profilo di illegittimità dei rincari è determinato dalla posizione dominante di Trenitalia sul mercato dei trasporti ferroviari, con particolare riferimento al settore degli abbonamenti all’Alta Velocità, nel quale l’azienda opera in assenza di competitor. Vi è poi lo stato di necessità che caratterizza chi ogni giorno deve recarsi a scuola o a lavoro in treno, e non può rinunciare al servizio ferroviario fornito da Trenitalia. In ultima analisi – prosegue Rienzi – la mancata proporzione tra costi e tariffe, non essendosi realizzato un aumento dei costi a carico dell’azienda che giustifichi rincari dei prezzi così onerosi per la collettività”.

IL RICORSO. Per tali motivi il Codacons promuove un ricorso collettivo al Tar del Lazio contro gli aumenti degli abbonamenti per l’Alta Velocità sulla Torino-Milano e sulle altre tratte interessate, al quale possono già da oggi pre-aderire gratuitamente pendolari e utenti delle Fs, attraverso le indicazioni che l’associazione pubblicherà in giornata sul sito www.codacons.it

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo